. . . . . . . . . . . . . . . . . . .

.

Il segreto della felicità è la libertà. Il segreto della libertà è il coraggio. "- Tucidide. Θουκυδίδης, Thūkydídēs -Atene,ca. a.C. 460 a.C.- dopo il 440 a.C. -
Dal 1764 la voce illuminista a Milano.

2 ottobre 2018

Musica armonia dell'essere.

Musica armonia dell'essere.

La globalizzazione porta nel suo contesto una silenziosa competizione economico culturale latente.


Necessiterebbe aprire una parentesi graf bianca { visto la urgente  necessità di una profonda riflessione riguardante la motivazione culturale musicale. 
L'appiattimento globale a seguito di una economia di scala ostacola brutalmente l'apertura stessa a sensazioni e suoni che invadono i cuori e menti.  
E' come se sapessimo solo gustare degli hamburger e avessimo perso il gusto di alcune pietanze locali, o non conoscessimo il susci nelle sue splendide variazione del nord Giappone.
Il risultata di questa competizione culturale economica ha senz'altro basi artistiche comuni è l'impiego che andrebbe rivisto.
Come per quasi fusione nucleare o altre scoperte (anche la musica è una scienza) l'uso passa di mano e diventa strategico nel sistema che lo produce. Necessita comprendere come superare questi ostacoli ed attingere nel sapere profondo.
Abbiamo inserito nella pagina di apertura dedicata alla musica un nuovo video.
Augurandoci  riflessione e apertura,  vi presentiamo il video di Nicolae Botgros a cui auguriamo il meritato successo. 
Sperando di poterlo apprezzare ancor meglio in un tour in Europa. 


26 agosto 2018

l'attualità del momento

Mentre è trascorsa una notte di travaglio la giornata  si affaccia di un sole che scorre verso l'autunno, ormai il tepore dell'estate si allontana mentre le matematiche analisi meteo, danno la incertezza delle previsioni.
Le news accresco la frescura mattutina trasportandola verso un freddo che avvolge sin a cercare riparo.

L'informazione atrofizzata nelle vacanze, quasi a dir "divertitevi sin che potete" lascia la falsa quiete per riaffacciarsi sul contesto mondiale.

Nulla di buono all'orizzonte in questo continuo " tirar di corde", ognuno sembra mostrare più i muscoli che l'intelligenza.  Guardiamo un palcoscenico dove ognuno sta mostrando la sua forza e schernisce la debolezza altrui sperandone un vantaggio, esemplare è l'ultima critica USA alla Marina Militare Tedesca.
Ma la situazione globale pare ancor più difficile. Nuove tecnologie inimmaginabili alla nostra conoscenza della fisica, contrarie ad ogni nostra precedente conoscenza, si affacciano quasi a dirci che ciò che ritenevamo impossibile invece lo è, ci riferiamo all'annuncio Cinese nella realizzazione di un motore di grandissima potenza che si autoalimenta tendenzialmente all'infinito, con conseguente mal di testa di scienziati e, speculatori delle fonti energetiche, all'umanità indispensabili ormai come l'aria.
Basi super segrete e armi sempre più potenti e sofisticate sostituiscono le passate strategie di chi aveva il cannone più potente. nulla di nuovo nella storia dell'umanità in questa assurda Olimpiade della guerra.

La questione a noi più vicina è allo stato dell'ebollizione, nel mediterraneo e mari limitrofi si aggiungono nuove navi da guerra pronte a scatenare l'inferno.
La questione Turca resta dominante anche se dobbiamo riconoscere che poteva essere peggio, visto la tensione Cipriota.
La Grecia ha intascato i proventi dell'estate e il turismo avvrà donato un pò di respiro alla ormai pericolosa e disastrosa situazione in cui si trova.
Balcani e  ex Jugoslavia restano tese e controverse, mentre strategie politiche cavalcano verso la logica di consumo a soddisfazione.
L'italia la ben vediamo confusa, persa tra fuochi antagonisti da cui l'antica saggezza pare ormai un ricordo.

Quel che si evidenzia è la tendenza allo squilibrio della situazione  globale, fatto che pone all'impotenza quella fascia di gente propensa ad un equilibrio non economico ma morale e comparato delle cose.
La consequenzialità degli eventi ci trascinerà tutti convinti nella nostra ragione, cadendo nel colore delle cose  e, senza una visione globale di convivenza pacifica. Questo pare il futuro analizzando il passato.

Cavallo pazzo.

5 giugno 2018

Milan sarà ancora Milano ?

Milan sarà ancora Milano ?

Mentre il diavoletto del Milan termina  la  stagione, i rossoneri affrontano diverse turbidezze, la questione economica è rilevante perché circa un anno fa c'è stata la svolta epocale. Il passaggio di società: dall'utopia di Berlusconi agli investimenti asiatici con una situazione che pare disperata dell uomo d'affari cinese Yonghong Li, che nel corso delle trattative per rilevare il controllo del Milan dal gruppo Fininvest, rimasto a corto di finanziatori e ha ottenuto dai Fondi Ellliott un prestito  per chiudere l'operazione.  303 milioni al tasso del 9 cento da restituire nel giro di 18 mesi, dando però in pegno tutte le azioni del Club rossonero. Pertanto se Li dovesse fallire, Elliott sarebbe il nuovo proprietario del Milan. 

Cambia la maglia, Puma sarà il nuovo sponsor tecnico del Milan, dopo il legame 1998-2018 con Adidas. Puma è la nazionale italiana, oltre che Bordeaux, Newcastle e Rennes e anche Arsenal e Borussia Dortmund, oltre ad altre stelle del calcio europeo come Antoine Griezmann, Sergio Agüero, Fàbregas, Balotelli, Reus o lo stesso Gigio Donnarumma. 
  
Intanto  ieri è stata una giornata campale per le sfortune del  Milan, la tifoseria quello che  si definiva il "cuore pulsante del tifo milanista" ha visto la perdita di Luca Lucci, bruciato  secondo quanto viene riportato da gazzetta.it,  che è stato arrestato per spaccio di droga.  L’ultrà,  riceveva la droga a Sesto San Giovanni, per poi smistarla nel resto della città.  Lucci sarebbe stato uno degli elementi di spicco di un’organizzazione. L'arresto è avvenuto nei confronti di 22 persone per traffico di sostanze stupefacenti,  15 le persone finite in manette, di cui due raggiunte da provvedimento in carcere perché già detenute; 4 sono all'estero e altre 2 sono al momento ricercate. Lo spaccio di droga nel capoluogo lombardo avveniva attraverso il  canale di approvvigionamento albanese presso  cui si riforniva Luca Lucci e quello italiano di cui era a capo Luca Boscherino, 33 anni, di Vibo Valentia. Mandelli si riforniva infatti sia dagli albanesi che dai calabresi, fra le due organizzazioni c'è stata una connessione in termini di affari, due conti separati.
 La stagione vede il Milan che si trova in 6 posizione  la  svolta ormai prossima e, sulla maglia il futuro è Puma. Per  il prossimo girone sarà la Champions League?
-mm-@live.it